Brigate Garibaldi

BandieraLe Brigate d'assalto Garibaldi, formazioni militari del Pci o ad esso collegate, operarono nell'Italia occupata tra 11 settembre 1943 e l'aprile-maggio 1945. Il comando generale dei distaccamenti e brigate d'assalto Garibaldi si costituì a Milano il 20 settembre 1943, ma per i primi tempi il confine tra organismi di partito e organismi militari fu molto sottile. Tale sovrapposizione di funzioni è rilevabile dall'analisi dell'archivio Brigate Garibaldi e del fondo Direzione Nord del Pci 1943-1945, tanto da far nascere l'ipotesi che si tratti di un unico complesso documentario diviso in due serie. I primi documenti nell'ordine cronologico del fondo Brigate Garibaldi relativi alla formazione del battaglione di partigiani Garibaldi nel Friuli e nella Venezia Giulia, sono a firma del "compagno Andrea", funzionario dei Gap del Pci e portano la data del 19 settembre 1943, precedente quindi alla costituzione del comando generale. Documenti analoghi si trovano anche nell'altro archivio, così come sono ripartiti più o meno equamente tra l'uno e l'altro i bollettini del Sip, i diari storici delle brigate Garibaldi di varie zone, le direttive e le circolari dei triumvirati insurrezionali e dei comandi garibaldini, e infine le relazioni degli ispettori inviate ai triumvirati insurrezionali e alle delegazioni garibaldine delle varie regioni.

Bibliografia: Le Brigate Garibaldi nella Resistenza. Documenti, Milano, Feltrinelli, 1979, voll. 3 (I: agosto 1943-maggio 1944, a cura di G. CAROCCI e G. GRASSI; II: giugno-novembre 1944, a cura di G. NISTICÒ; III: dicembre 1944-maggio 1945, a cura di C. PAVONE).

Le Brigate d'assalto "Garibaldi" erano le formazioni promosse dal PCI (Partito Comunista Italiano) o che assunsero tale denominazione

StampaEmail