Organizzazione Sauckel

Struttura operante nei paesi occupati con l'incarico di procedere all'attuazione del programma nazista di reclutamento coatto di forza lavoro per l'agricoltura e per l'industria degli armamenti tedeschi. Per quanto concerne l'Italia, dopo l'8 settembre 1943 il compito dell'OS si realizza con lo sfruttamento dei militari italiani internati nei lager e con la razzia di manodopera maschile e femminile da impiegarsi in Germania "in modo da sfruttarli al massimo col minimo possibile di spese" (da una delle prime direttive di Fritz Sauckel, plenipotenziario generale per l'assegnazione della mano d'opera).
Giudicato dal Tribunale internazionale di Norimberga, Sauckel sarà condannato a morte e impiccato nella notte tra il 15 e il 16 ottobre 1946.

StampaEmail