Borsa Nera

Commercio clandestino di beni che si verifica in situazioni belliche a causa, da un lato, della riduzione degli approvigionamenti sul mercato internazionale e nazionale, e, dall'altro, per la necessità di riservarne ingenti quote allo sforzo bellico.
I conseguenti provvedimenti governativi di contingentamento dei beni e di razionamento delle quote destinate alla popolazione a prezzi calmierati, riducono gli utili di produttori e commercianti innescando meccanismi speculativi di accaparramento delle merci, poi vendute al mercato clandestino (o mercato nero) a prezzi esorbitanti e inaccessibili alle categorie sociali a reddito fisso, vale a dire alla stragrande maggioranza della popolazione.

StampaEmail